• Scrivici un'e-mail:

    info@webpsy.it

  • Dove siamo:

    Verona

normative pubblicità psicologi

Promozione online per lo psicologo: cosa dicono le normative?

“Uomo competente è colui che si sbaglia secondo le regole”

Paul Valéry

La pubblicità è un passo importante per tutti gli psicologi che si avviano alla libera professione. 
Secondo il Codice Deontologico essa è intesa come servizio per l’informazione alla collettività e deve servire per “…aiutare il pubblico e gli utenti a sviluppare in modo libero e consapevole giudizi, opinioni, e scelte (art. 39 C.D.).” Tra le forme di pubblicità consentite agli psicologi vi sono anche le inserzioni sulle pagine web ed il sito internet, purché… “vengano realizzate secondo criteri di trasparenza e di veridicità del messaggio e in un’ottica di servizio alla collettività, prestando particolare attenzione alla sua influenza sull’utenza e al rispetto del decoro e della dignità della professione, ai sensi degli artt. 2, 8, 38, 39, e 40 del Codice Deontologico degli Psicologi.”

Pubblicità degli psicologi: cosa dicono gli ordini regionali

La pubblicità professionale, anche quella online, viene regolamentata dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi e dai singoli Ordini Regionali, che hanno la facoltà di interpretare e gestire queste materie come ritengono più opportuno.
Le indicazioni che seguono sono quindi da intendersi di carattere generale e da verificarsi di volta in volta, dal momento che l’ordine di appartenenza può avere una interpretazione più libera, o restrittiva rispetto ad altri ordini.

Vediamo quali sono le principali fonti normative per la pubblicità online per le professioni psicologiche:

l’art. 2 della legge n. 248/2006;
il Codice Deontologico degli Psicologi (artt. 2, 8, 38, 39, 40);
l’Atto di indirizzo del Consiglio Nazionale in tema di pubblicità;
– Linee guida del CNOP sulle prestazioni psicologiche attraverso tecnologie di comunicazione a distanza

I contenuti promozionali online devono essere veritieri e formulati in termini oggettivi, nel pieno rispetto della dignità professionale e conformi ai criteri della serietà scientifica e alla tutela dell’immagine professionale. Secondo le linee guida del CNOP, lo psicologo che si avvale di tali tecnologie, dovrebbe fornire (presumibilmente nella Home Page del sito) informazioni appropriate sulla propria identità, iscrizione all’Ordine, titoli professionali, indirizzo di Posta Elettronica Certificata ed eventualmente gli estremi della polizza di R.C. professionale.

In generale i siti o le inserzioni Web possono contenere oltre a quanto previsto dagli artt. 4 e 5 dell’Atto di indirizzo, anche informazioni di carattere descrittivo circa le caratteristiche del servizio professionale offerto, oltre a materiale culturale-scientifico afferente in generale alla Psicologia (ad esempio con tesi di laurea, articoli e proprie pubblicazioni con precise indicazione delle fonti bibliografiche, recensioni libri, progetti professionali, ecc.) e ad informazioni inerenti al curriculum formativo e professionale dell’iscritto.” (O.P.Veneto)

In seguito all’entrata in vigore della Legge n. 248/2006 (c.d. Decreto Bersani) di liberalizzazione in materia di pubblicità sanitaria, molti Ordini Territoriali non prevedono più un controllo sul materiale prodotto e pubblicato online, affidandosi, di fatto, al senso di responsabilità del singolo professionista. Alcuni Ordini Regionali (cfr. Veneto) richiedono invece la visione del materiale prodotto (Home page del sito), per verificare l’aderenza ai principi deontologici e vigilare sulla conformità del contenuto, secondo le disposizioni della normativa vigente in tema di pubblicità professionale, del codice deontologico e della Legge 56/89.

Noi di Webpsy siamo molto attenti a questi aspetti. Perché quando si tratta di intervenire sulle persone ed in particolare sulla salute, è più che opportuno che “la pubblicità sia funzionale all’oggetto, veritiera e corretta, non violi l’obbligo del segreto professionale e non sia essere equivoca, ingannevole o denigratoria”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *